rita-antonioli8
rita-antonioli1
rita-antonioli2
rita-antonioli3
rita-antonioli4
rita-antonioli5
rita-antonioli6
rita-antonioli7
_mg_3049ritaantonioli_opt
_mg_3517ritaantonioli_opt
_mg_3735ritaantonioli_opt
_mg_3739ritaantonioli_opt
_mg_3745ritaantonioli_opt
_mg_4400ritaantonioli_opt
_mg_5092ritaantonioli_opt
_mg_5667ritaantonioli_opt
_mg_5729ritaantonioli_opt
_mg_5759ritaantonioli_opt
_mg_5766ritaantonioli_opt
_mg_6466ritaantonioli_opt
_mg_6648ritaantonioli_opt
_mg_6657ritaantonioli_opt
_mg_6765ritaantonioli_opt
_mg_6771ritaantonioli_opt
_mg_7532ritaantonioli_opt
_mg_9613ritaantonioli_opt

Vive e lavora a Milano. Dopo studi professionali sulla fotografia, ha è stata assistente di Sofia Riva e Armin Linke. Comee free-lance ha lavorato nei teatri milanesi sviluppando una ricerca personale “A glance from the stage”, focalizzandosi sui visi e le espressioni dei protagonisti e esplorando le connessioni dei molteplici mondi dell’arte. Questa collezione di ritratti fu pubblicata nel 2006 con la prefazione di Patti Smith. Altri suoi progetti sono “ Normale ma speciale”, “Dinamismo urbano”, “ Drag Queen: recognition of human variety”.

Forma leggerissima dell’acqua, le nuvole corrono senza ostacoli, senza trascinare con sé null’altro che nuvole. Solo il fotografo ferma la loro corsa e cattura la loro luce. L’artista dichiara:
“Per molti anni ho collezionato nuvole in giro per il mondo così come dalla finestra di casa. Le nuvole passano indisturbate sopra le nostre teste e chi le osserva, così come i bambini, immagina e crea mondi possibili. Questa visione è ancorata al reale, centrata all’uomo, perchè è la percezione umana del reale che dà forma al processo immaginativo. Così come diceva Einstein la logica ci porta da A a B l’immaginazione dappertutto. Queste immagini vogliono dunque essere un viaggio negli infiniti mondi possibili dell’immaginazione di chi queste immagini le ha fatte ma anche di colore che fruiscono di queste immagini poichè non c’è niente che non possa generare meraviglia, perché essa dimora negli occhi di chi guarda più che in ciò che è guardato.”

phant@aerreimage.com
www.aerreimage.com